8.7 C
Rome
Aprile 20, 2024
Azienda TopEvoluzioneInnovazione

“Innovazione, servizi al cliente, mobilità e formazione: le leve del nostro sviluppo”

Marco Bertola, ad Gruppo Fosber di Lucca, che realizza macchinari per il cartone ondulato


Si trova a Lucca una delle tre realtà leader a livello mondiale nella progettazione, produzione ed installazione di linee ondulatrici complete e macchinari per il cartone ondulato.  È al cento per cento di proprietà cinese, ma conserva il management e le strategie di crescita italiani. A guidarla è Marco Bertola, 45 anni.

Parliamo del Gruppo Fosber, nato nella cittadina toscana nel 1978. Per decenni azienda a conduzione famigliare lungimirante e con gli occhi sempre verso il futuro, nel 2014 entra a far parte del Gruppo Dong Fang Prercision.

Attraverso il suo quartiere generale in Toscana, a Monsagrati, e le sue filiali strategiche negli Stati Uniti ed in Cina, fornisce a Gruppi internazionali linee di produzione complete e retrofit di macchinari per la produzione di cartone ondulato. 

Il punto di forza della realtà è l’innovazione e l’attenzione al cliente. Ogni anno una buona parte dei profitti viene destinato al settore della ricerca e sviluppo.  

“In mercati in continua trasformazione e sempre più esigenti – afferma l’AD – il Gruppo Fosber offre tecnologia all’avanguardia garantendo elevate prestazioni, flessibilità nel processo produttivo, riduzione dei costi, minore complessità, maggiore affidabilità e servizio al cliente.  Inoltre, per crescere puntiamo a nuove acquisizioni e fidelizziamo sempre più i clienti con nuovi servizi attinenti al nostro core business”.

Con un fatturato in costante crescita, e che ha chiuso il 2023 con un nuovo record superiore ai 350 milioni di euro del 2022, il Gruppo occupa circa 400 dipendenti nel nostro Paese. Attraverso i service center e le branches di Tiruña (Pamplona), Quantum Corrugated (Vimercate) e Fosber America (Green Bay), arrivando a totalizzare oltre 800 dipendenti in tutto il mondo.  

Fosber rappresenta un punto di riferimento nel settore. Esporta il 90% del fatturato e nel segmento delle macchine per il cartone ondulato ha praticamente un solo concorrente al mondo, un’azienda tedesca.

Quest’anno Fosber aumenterà la capacità produttiva, allargherà la gamma dei servizi grazie ad investimenti in ricerca e sviluppo, spinti dall’adozione di tecnologie all’avanguardia, come: Digital Twin, AI usata per il controllo dei processi, la diagnostica predittiva per arrivare alla rilevazione ed alla classificazione dei difetti.  

“Industria 4.0 – aggiunge Bertola – visori e mixed reality, tra cui l’uso di sistemi brevettati (leggi ProCare), creati in collaborazione e partnership strategiche con l’Università di Pisa, rappresentano un passo significativo nella manutenzione preventiva e nel monitoraggio dei consumi. ProCare, oltre a sviluppare algoritmi di machine learning avanzati per la predizione dei guasti, consente di misurare gli assorbimenti dei macchinari e delle linee produttive, contribuendo così alla sostenibilità dei processi produttivi per tutta la filiera”.

 Uno dei progetti in progress di Fosber è di investire in una propria “Accademy” per far incontrare giovani, università e aziende e far conoscere i nuovi trend in un settore di nicchia come quello dei macchinari per cartone ondulato. Quello delle scatole per Amazon. Un modo per avvicinare il mondo accademico a quello imprenditoriale, massimizzando le sinergie.

Non è tutto. Aspetto, raro e per niente secondario, il gruppo riesce a valorizzare i talenti e ha mobilità all’interno.

“Sono entrato nel 1998 come assemblatore meccanico nella sede di Lucca- Monsagrati, seguendo la costruzione di macchinari ed effettuando trasferte fuori sede. Poi dopo alcuni anni trascorsi nel dipartimento ricerca e sviluppo, sono diventato capo commessa di produzione – racconta Bertola – Tuttavia, è stato un progetto cruciale relativo alla produzione in outsourcing in Italia poi la gestione della start-up in Cina a darmi le opportunità di crescita”.

Bertola non solo ha superato gli obiettivi prefissati nel mercato cinese, ma ha anche dimostrato una leadership straordinaria e una visione strategica che hanno colpito la proprietà del Gruppo. Questo successo ha aperto le porte a una nuova sfida professionale: dal 2022 ricopre l’incarico di CEO del Gruppo Fosber Spa.

“E così – aggiunge – dopo aver percorso tutti gli scalini aziendali, rimettendomi in gioco anche da un punto di vista accademico, sono diventato amministratore delegato. Merito del desiderio di crescere e della mia grande curiosità. Sono un sano affamato ci conoscenza”.

Ricordiamo qualche dato: nel comparto green, il mercato del cartone ondulato – protagonista nel mondo del packaging – vale oltre 4 miliardi di euro, solo in Italia. E il nostro Paese primeggia occupando la seconda posizione in Europa per eccellenza di settore.

Cinzia Ficco

Leggi anche

“Un algoritmo per Ceo? Rischio deskilling. Meglio metterci la faccia per motivare il personale”

Cinzia Ficco

Nasce Marea Azzurra, la nuova piattaforma di innovazione per la Blue Economy

Cinzia Ficco

Nautica, Il Bolide 80? Disegnato e realizzato in Italia

Cinzia Ficco