26 C
Rome
Maggio 21, 2024
Evoluzione

Antonella Recchia: “Il mio modello di business? Etico ed estetico”

Da insegnante a estetista e make up artist anche oncologica


Il lavoro è passione da inseguire con determinazione e volontà, facendosi trasportare dal coinvolgimento emotivo perché avvertiamo quella straordinaria sintonia con la nostra sensibilità.

Si cambia quando si sente la necessità di inseguire la propria strada, quella migliore che si adatta alle nostre esigenze. Questa piccola rivoluzione professionale accade ad Antonella Recchia, professoressa di ruolo che sceglie di dimettersi dal suo incarico di lavoro di insegnante per coronare il suo sogno. A piccoli passi diventa, partendo dalle basi e con 42 anni alle spalle, un’estetista oncologica tra le più apprezzate di Italia e una make up artist delle star.https://www.antonellarecchiabellezzaemakeup.it/scheda-trattamento-antonella-recchia-bellezza-e-make-up-formia.asp?ID=43

Cerchiamo di comprendere la sua scelta e soprattutto le motivazioni del suo repentino cambiamento avvenuto con coraggio.

Come ha voluto cercare il lavoro di estetista anche oncologica?

«Perché mi rende felice donare alle donne una bellezza più consapevole e, nel caso post chemioterapia, regalare maggiore splendore al proprio viso ed alla propria immagine con un’autostima ritrovata. La mia mission è quella di valorizzare ed esaltare la bellezza presente in ogni persona in maniera naturale, con rituali viso mirati ed un make-up personalizzato».

Cambiare totalmente percorso lavorativo come influenza la sua vita?

«Questo mio nuovo lavoro consente maggiore spazio alla mia creatività anche se ritengo fondamentale l’aggiornamento professionale continuo».

Insegnante e visagista. Quali sono le differenze per cui apprezza maggiormente la sua attuale professione?

«Nel mio lavoro di visagista e make-up artist posso esprimere più liberamente ed in maniera più evidente la mia fantasia e creatività. Ho la possibilità inoltre di viaggiare, conoscere e comunicare con persone di età e gusti differenti».

Stravolgere la vita professionale significa inseguire la propria passione, spesso non è facile. Quali difficoltà ha incontrato?

«Più che di difficoltà parlerei di due percorsi di studi (estetista e make-up artist) consapevoli e totalmente diversi da quello intrapreso precedentemente. La forte motivazione e la costanza mi hanno consentito di diventare una stimata professionista dell’estetica e del benessere».

Che modello di business ha voluto adottare con questa scelta professionale?

«Effettuo consulenze in centri estetici, SPA, studi di medicina estetica e saloni di bellezza dove a completamento dei rituali viso personalizzati, ci sono anche i miei prodotti di bellezza a base di ingredienti naturali e sostanze selezionate antietà. A Capri mi sono potuta relazionare con le bellezze tipicamente mediterranee, mentre a Dubai con una clientela oltre che mediorientale, anche internazionale. Sono stata relatrice a congressi di medicina estetica in cui la professione dell’estetista specializzata è una figura importante anche nel pre e post intervento del medico estetico”

                                       Francesco Fravolini

Leggi anche

Le Idee ‘mai viste prima’ che rivoluzionano l’economia

Cinzia Ficco

Immobiliare del lusso: il modello fiorentino fa scuola a Harvard  

Cinzia Ficco

Passaggio generazionale: la differenza tra fondatore e erede

Cinzia Ficco