-11.9 C
Rome
Febbraio 25, 2024
Management

“Imprenditori, ricordatevi che non sempre i neo lavoratori sono di passaggio. E vanno formati”

Paolo Carnovale (GoodHabitz) sui vantaggi di una preparazione costante del personale


Ancora tanta resistenza da parte degli imprenditori nell’assicurare la formazione che va oltre quella prescritta dalle leggi.

E le motivazioni variano. Ma rinunciarci arreca un danno all’impresa. Non solo rompe gli equilibri interni, rovina anche la reputazione dell’azienda che, se non forma, rischia di perdere personale, renderlo insoddisfatto, poco coinvolto e quindi poco produttivo. L’evoluzione di ciascun lavoratore è sinonimo di crescita aziendale, un’arma in più contro i competitor. La formazione deve restare sacrosanta, ma come deve essere organizzata?

Ci risponde Paolo Carnovale, Country Director Italy GoodHabitz che ci spiega intanto cosa blocca gli imprenditori.

“Le aziende faticano ad offrire agli stagisti opportunità formative aggiuntive che vadano al di là di quelle di base e obbligatorie per legge principalmente per motivi legati al budget, in quanto molto spesso viene allocato l’anno precedente e calcolato sulla base delle risorse esistenti in quel momento. Altre volte, invece, le aziende trascurano l’importanza di offrire opportunità formative concrete alle giovani risorse in quanto le ritengono di passaggio. Così facendo, però, corrono il rischio di perdere una risorsa che, con i giusti strumenti e la giusta motivazione, potrebbe rivelarsi un talento prezioso.

Quali sono gli altri effetti negativi?

Lo stage rappresenta il primo passo del processo formativo di una risorsa nel contesto aziendale. È un momento importante, durante il quale il giovane mette in pratica quanto appreso durante gli studi e sviluppa le hard skill essenziali per contribuire ai risultati del team in cui è inserita. Ma è anche una fase delicata, nella quale ci si confronta con professionisti di età, esperienze differenti e si affrontano sfide a cui non si è ancora preparati. La formazione trasversale diventa il driver essenziale per garantire il successo a lungo termine della collaborazione: da un lato, permette alla giovane risorsa di crescere dal punto di vista professionale, esprimere il proprio potenziale e gestire la complessità dell’ambiente lavorativo. Dall’altro, garantisce all’azienda un maggior coinvolgimento da parte del dipendente, più soddisfatto, sicuro e motivato. Le aggiungo una cosa.

Prego

La nostra recente ricerca dimostra che 8 italiani su 10 sono disposti a lasciare il proprio posto di lavoro in mancanza di adeguate opportunità di sviluppo personale. E, specie per i giovani, l’attenzione al benessere lavorativo è sempre più centrale. Negare ai neo-lavoratori l’opportunità di crescere, quindi, vuol dire formare una giovane risorsa e poi vederla andar via, assieme al proprio know-how.

Come viene considerata oggi la formazione online in azienda?

L’apprendimento online è diventato un tassello imprescindibile all’interno dell’intera offerta formativa di un’azienda, poiché permette di rendere la formazione più flessibile, personalizzabile e capillare. Bisogna tenere presente che lo smart working si è ormai stabilito nella maggior parte delle organizzazioni e ha portato con sé nuove sfide nella gestione delle risorse da remoto. L’e-learning ha il beneficio di raggiungere chiunque, in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento, e offrire contenuti variegati che si adattano ai bisogni e alle preferenze di apprendimento di ognuno. In GoodHabitz crediamo fortemente che l’apprendimento continuo debba essere accessibile a tutte le risorse di un’azienda. Per questo mettiamo i nostri contenuti formativi online a disposizione dell’intero organico aziendale. Tuttavia, riconosciamo anche l’importanza dell’apprendimento sociale. Per questo, abbiamo arricchito i nostri corsi e assessment online con esercizi di approfondimento offline, da svolgere in team.

I vantaggi della vostra soluzione per gli imprenditori?

GoodHabitz vuole rendere lo sviluppo personale piacevole e accessibile a tutti. Attraverso una combinazione unica di assessment per il people development e corsi online per sviluppare le competenze più adatte a ciascun profilo, aiutiamo le aziende a rendere i propri collaboratori più competenti, felici e soddisfatti. I nostri corsi sono erogati in 22 lingue e sono fruibili sempre e ovunque, tramite il sito web o l’app di GoodHabitz oppure attraverso un LMS/LXP aziendale. L’utilizzo della piattaforma è facile ed intuitivo, e consente a tutti i collaboratori, a qualsiasi livello, di mettersi alla prova e migliorarsi in modo divertente e stimolante. I nostri contenuti formativi sono sviluppati internamente da un vasto team di learning designer, psicologi, psicometristi, UX designer,  e coprono le 65 competenze più importanti per i professionisti di oggi e  domani, suddivise in 8 aree di sviluppo che vanno dalla leadership alla collaborazione. Ci assicuriamo di offrire alle aziende e ai loro dipendenti contenuti efficaci e al contempo coinvolgenti e stimolanti, e la risposta è molto positiva. Attualmente, siamo attivi in oltre 20 mercati e abbiamo un tasso di retention del 95%.

Cinzia Ficco

Leggi anche

Crediti welfare: conoscerli ora è più facile

Cinzia Ficco

“Impresa è for Good quando non è più solo il mercato a decidere sulla sua sopravvivenza”

Cinzia Ficco

L’azienda del futuro? Quella che tornerà a essere ispiratrice di valori per dipendenti e clienti. Guidata da un Ceb

Cinzia Ficco