17.2 C
Rome
Aprile 12, 2024
EvoluzioneInnovazioneManagement

Il tuo curriculum? Meglio digitale. Così resta sul cellulare e non più nel cassetto

Kipin è un’app che permette di caricare foto e filmati ed è stata creata da Cristiano Vitolo


Chi sei, chi aiuti e che vantaggi può ottenere il tuo interlocutore?

Se chiedete a Cristiano Vitolo (in foto) come presentarsi alle aziende e dare una buona impressione, vi risponderà che uno, il curriculum cartaceo è ormai superato. Due, che occorre solo una frase buona s sintetizzare le risposte alle tre domande.  

Importante è imparare a conoscersi e quindi a sapere offrire in modo discreto e non banale le proprie capacità, senza nascondere i propri limiti. Fingere non ha mai dato buoni esiti.

Di qui una lista di consigli che Vitolo, creatore di un biglietto di visita digitale (Kipin) – capace di inserire file, video – ha stilato. https://kipin.app/it/home/

Non dimenticare di essere breve

Sembra scontato ma bisogna essere in grado di annotare i dettagli più importanti. Bisogna raccontare quello che si fa fare in modo smart e convincente. Non bisogna riempire i vuoti, ma essere sicuri nel raccontare di sé solo gli elementi più incisivi.

Sperimentare con il primo video curriculum

L’obiettivo è quello di invogliare ancora di più a farsi conoscere meglio, evitando di ripetere alla perfezione quello che c’è scritto nel cv cartaceo. Il formato video aiuta ad evidenziare la propria personalità – specialmente se si è alle prime esperienze .

Sii originale ma non banale

Non bisogna eccedere nel sembrare carismatici ed attraenti, la naturalezza e la spontaneità pagano sempre. È importante farsi conoscere, senza forzature, ma allo stesso tempo risultare preparati e competenti anche nel modo in cui si presentano i propri contenuti.

Dimostrare sintonia con il contesto

Può sembrare ovvio, ma non lo è affatto: redigere un curriculum in sintonia con l’azienda per la quale ci si propone, si nota. Intercettare anche il modo di comunicare il brand, facendo leva anche sugli aspetti grafici, può attirare l’attenzione e trasformarsi in un punto di forza. Meglio quindi prepararsi un template standard da modificare poi di volta in volta, a seconda della necessità.

Attenzione ai social

Alcuni pensano che inserire i link di tutti i propri profili social possa arricchire il curriculum. In realtà alcuni profili riportano fotografie, temi ed eventi che nulla hanno a che vedere con la propria sfera professionale. Per questo motivo, sarebbe preferibile omettere. Allo stesso modo, anche un profilo, sito web o blog non aggiornati sarebbero da evitare.

No all’intelligenza artificiale

Non delegare dunque al tool del momento il compito di scrivere il tuo curriculum. Fai attenzione, gli addetti alla selezione del personale riconoscono subito un contenuto non originale.

Allenarsi a fare un breve esposizione di sé

Proprio come quando ci si presenta alle persone è necessario imparare a descriversi con il minor numero di parole possibili. Questo esercizio, a lungo andare, aiuta a descrivere in pochi passaggi al nostro interlocutore, quali sono le capacità e cosa possiamo offrire”.

Tre le versioni disponibili di Kipin: Free, Gold e Platinum, con la possibilità di poter condividere i biglietti tramite mail, SMS, WhatsApp, QR code e tramite la tecnologia NFC. Inoltre, è possibile la creazione di una firma digitale professionale da poter utilizzare per le proprie comunicazioni via mail.

La Redazione

Leggi anche

Riciclo delle pavimentazioni stradali in crescita: nel 2023 risparmiate oltre 10 mlm di tonnellate di materie

Cinzia Ficco

C’è tutto un mondo intorno (alle startup) che sta aspettando un nuovo Act

Cinzia Ficco

“I dipendenti che si sentono ascoltati e coinvolti sono il 21% più produttivi”

Cinzia Ficco