-11.9 C
Rome
Febbraio 25, 2024
EvoluzioneFocusInnovazione

Crescita 2024: dirigenti aziendali più ottimisti

Lo rivela una ricerca dell’Istituto Capgemini 


I leader aziendali stanno iniziando il 2024 con un maggior livello di ottimismo riguardo alla crescita futura della propria organizzazione rispetto a 12 mesi fa. Lo annuncia una ricerca condotta dal Capgemini Research Institute,

Il report, dal titolo “Embracing a brighter future: Investment Priorities for 2024”, analizza i piani di investimento di 2.000 dirigenti aziendali a livello globale per i prossimi 12-18 mesi. Customer experience, innovazione, competenze interne, sostenibilità e supply chain: sono le aree di business strategiche che beneficeranno di maggiori investimenti.

Secondo il report, il 56% dei dirigenti aziendali è fiducioso riguardo alla crescita futura della propria organizzazione nonostante gli attuali venti contrari di natura macroeconomica, rispetto al 42% di 12 mesi fa. Tuttavia, meno di un terzo si dichiara ottimista riguardo al contesto operativo globale.

“Il nostro report annuale sul sentiment e sulle intenzioni di investimento dei leader aziendali a livello globale rappresenta un segnale di ottimismo per l’inizio del 2024 – fa sapere-   Aiman Ezzat (in foto) Chief Executive Officer di CapgeminiI leader aziendali stanno iniziando l’anno con un maggiore senso di fiducia rispetto a 12 mesi fa, con la tecnologia e l’AI destinate a guidare la prossima fase della transizione verso un’economia globale più digitale e sostenibile. È una buona notizia che le aziende stiano aumentando gli investimenti in un’ampia gamma di aree di business critiche, dalla customer experience all’innovazione, dal talento alle supply chain e, forse ancora più importante, alla sostenibilità. Siamo solo agli inizi per quanto riguarda il contributo che strumenti e tecnologie digitali, in particolare l’intelligenza artificiale, possono dare al raggiungimento di questi obiettivi di business.”

Gli investimenti si concentrano su strumenti e tecnologie digitali, a cominciare dall’AI

  • L’AI come driver dell’innovazione – dal momento che i leader aziendali sono sempre più consapevoli della potenza dell’AI e dell’AI generativa per promuovere l’innovazione e stimolare la crescita, l’88% di loro prevede di concentrarsi su questa tecnologia.
  • L’AI giocherà un ruolo sempre maggiore nei processi decisionali cruciali – i leader aziendali prevedono che tra cinque anni i processi decisionali cruciali saranno supportati dall’AI. Il settore Life Sciences sembra essere in testa, con quasi la metà dei processi decisionali più importanti destinati a essere supportati dall’AI entro 5 anni. Tuttavia, la maggioranza dei leader aziendali in tutti i settori sottolinea che la capacità di giudizio umana è più che mai necessaria in un mondo guidato dall’AI.
  • La cybersecurity resta un aspetto fondamentale – il 61% dei leader aziendali considera oggi le minacce alla cybersecurity un rischio prioritario per la crescita aziendale, con un notevole aumento rispetto al 39% del 2023.

Poiché il business case a favore della sostenibilità è ormai evidente, la maggior parte delle organizzazioni prevede di aumentare gli investimenti in questo senso

  • Il cambiamento climatico in quanto minaccia esistenziale – quasi la metà dei leader aziendali globali prevede che il cambiamento climatico rappresenterà il principale fattore di rottura per le aziende nel prossimo decennio. In quest’ottica, i leader aziendali affermano che la mancanza di procedure e processi sostenibili rappresenterà un rischio esistenziale a lungo termine per le loro organizzazioni.
  • Gli incentivi favoriscono gli investimenti – il 57% dei dirigenti aziendali ha dichiarato che intende aumentare gli investimenti in tecnologie pulite negli Stati Uniti nei prossimi 2-3 anni grazie all’Inflation Reduction Act (IRA), mentre la stessa percentuale prevede di farlo in UE come conseguenza diretta del piano industriale Green Deal.

Mettere in discussione il concetto di crescita macroeconomica globale

Sebbene i dirigenti d’azienda siano ottimisti sulle prospettive di crescita futura delle loro organizzazioni, ciò si accompagna a una crescente consapevolezza delle sfide poste dai vincoli ambientali. Due terzi degli intervistati affermano che la costante tensione verso la crescita è incompatibile con la necessità di affrontare la crisi climatica ed ecologica. Su un piano più macroeconomico, il 38% di loro riconosce che probabilmente entreremo in un’era in cui la crescita si interromperà a causa dell’esaurimento delle risorse globali.

Aumentano nearshoring e friend-shoring, anche se le supply chain continuano a rappresentare un elemento di vulnerabilità

L’impatto del COVID-19 e le conseguenti difficoltà economiche hanno aumentato la consapevolezza circa la vulnerabilità delle supply chain globali su cui le imprese internazionali fanno da tempo affidamento. Nell’ultimo anno, i leader aziendali hanno cercato di ripensare e ridisegnare la struttura delle loro catene di fornitura globali, con l’obiettivo di ridurre al minimo il rischio di gravi interruzioni. Gli insegnamenti tratti dai lockdown hanno portato a un aumento delle soluzioni di nearshoring e friend-shoring per gli approvvigionamenti, riducendo l’esposizione alle turbolenze macroeconomiche e logistiche. Poco meno della metà (45%) dei dirigenti d’azienda afferma che in futuro una parte significativa dei loro approvvigionamenti sarà oggetto di friend-shoring, mentre il 49% dichiara che sta investendo in altre economie emergenti per ridurre la dipendenza dalla Cina.

Competenze e ambienti di lavoro restano una priorità chiave per i leader aziendali

La carenza di personale con le giuste competenze è tra le principali criticità aziendali per quasi sei organizzazioni su dieci (in crescita di un terzo rispetto all’anno scorso). Mentre le organizzazioni pianificano e implementano le loro politiche di ritorno al lavoro in presenza, un quarto prevede anche di aumentare gli investimenti in spazi per uffici, in crescita rispetto al 4% dello scorso anno. Tuttavia, molte organizzazioni ritengono che il lavoro flessibile e ibrido non sia destinato a scomparire.

La Redazione

Leggi anche

E’ made in Italy la tuta che protegge gli astronauti dall’atrofia muscolare nello spazio

Cinzia Ficco

Automazione industriale e robotica: un mondo ancora al maschile?

Cinzia Ficco

“Abituarsi a cambiare, misurare, orientare, dialogare con i clienti”

Cinzia Ficco