18 C
Rome
Maggio 30, 2024
Innovazione

L’agricoltura senza l’utilizzo di terreno sbarca nel mondo del franchising

Lo fa con AGRICOOLTUR®, un’azienda italiana fondata da Divià, Boniforte e Ferrero


I grandi cambiamenti partono sempre dalle radici.

Ne sono convinti in Agricooltur®, azienda italiana – nata nel 2018 da un’idea di Marco Bartolomeo Divià, Alessandro Boniforte, Stefano Ferrero – che ha progettato e brevettato un sistema di agricoltura aeroponica efficiente ed innovativo che permette alle piante di svilupparsi fuori dal terreno e crescere in ambiente controllato, con un consistente risparmio idrico rispetto alle tecniche tradizionali e senza l’uso di pesticidi.

Agricooltur® lavora per diffondere l’agricoltura aeroponica e renderla capillare sul territorio. L’obiettivo è quello di creare una rete di piccole produzioni locali così che ogni impianto possa produrre quanto necessario senza sprechi di prodotto e con una notevole diminuzione dell’inquinamento. Non solo. L’azienda si impegna a sensibilizzare i consumatori sui grandi vantaggi dell’agricoltura aeroponica che, oltre ad essere sostenibile, permette di portare nelle case e sulle tavole di tutti prodotti agricoli vivi, non recisi, con le radici intatte e proprietà nutritive eccellenti, sempre pronti per essere raccolti e mangiati!

Il sistema di agricoltura aeroponica progettato da Agricooltur® si basa su tre brevetti (Aerosmart, Aeromatic e Hortus) che permettono la coltivazione di ortaggi, micrortaggi e erbe aromatiche attraverso un sistema di nebulizzazione delle radici delle piante con risultati straordinari in termini di velocità, quantità e, soprattutto, qualità.

Le piante, in sospensione fuori dal terreno, ricevono acqua e sostanze nutritive dalle radici in un ambiente completamente controllato che riduce quasi del tutto la diffusione di parassiti e malattie tipiche della coltivazione in terra, senza dover impiegare insetticidi o antiparassitari potenzialmente dannosi per la salute dell’uomo, delle piante e dell’ambiente. www.agricooltur.it

Nel 2023, a seguito di un round di investimento di 5 milioni di euro, Agricooltur® ha potenziato sia la sua organizzazione sia la capillare presenza sul mercato prevedendo di superare gli 11 milioni di euro di fatturato nel 2024 nel mercato italiano e in quello europeo.

Forti di questi risultati I tre hanno deciso di sbarcare nel franchising.

Secondo le recenti stime di Assofranchising il franchising in Italia si dimostra un modello di business vincente ed in crescita, con una previsione di fatturato del + 3% nel 2023 rispetto agli oltre 30 miliardi del 2022. Se i settori più performanti restano la Gdo, la ristorazione ed i servizi, il Salone del Franchising iniziato questa mattina a Milano registra la presenza di un settore emergente: l’Agritech.

Un nuovo modello di consumo, più attento ai valori della salute e della sostenibilità, spinge gli imprenditori a cercare soluzioni di investimento anche nel settore agricolo dove le nuove tecnologie e il digitale stanno implementando i sistemi di agricoltura tradizionali e aprendo la possibilità di accesso anche a chi non ha competenze agronomiche.

Ad attirare l’attenzione dei franchisee sul modello di franchising di Agricooltur® sono la sua scalabilità, la capacità di razionalizzare l’uso delle risorse, massimizzare la sostenibilità e portare ai consumatori finali prodotti sempre più controllati e più freschi. 

Dopo anni di sperimentazioni e successi l’azienda, che è già entrata nel canale GDO con Carrefour, nell’Horeca con ristoratori e chef stellati, nelle mense aziendali (Dussaman per Eni) e nel settore del Real Estate, lancia oggi il suo modello innovativo di franchising che comprende un pacchetto chiavi in mano per la produzione e commercializzazione dei prodotti.

Si parte dall’impianto produttivo e dal corso di formazione per la gestione dell’impianto. Agricooltur® fornisce assistenza tecnica e agronomica, la materia prima (cialde già seminate), il packaging e i sistemi di conservazione e un kit asset marketing per la commercializzazione.

Ortaggi, micro-ortaggi ed erbe aromatiche coltivate con il metodo aeroponico di Agricooltur® arrivano a far risparmiare fino al 98% di acqua e utilizzano meno del 10% dei fertilizzanti rispetto all’agricoltura tradizionale, senza immettere sostanze chimiche nella falda e limitando il consumo di suolo. Grazie al fatto che i suoi impianti vengono progettati e posizionati là dove c’è la domanda, Agricooltur® riduce gli sprechi e limita gli spostamenti della merce su gomma riducendo di conseguenza le immissioni di gas serra nell’atmosfera.

I sistemi di coltivazione Agricooltur® possono essere utilizzati sia indoor, adattandosi alle strutture già esistenti, sia outdoor.

I due moduli attrezzati per la coltivazione outdoor sono The Plant – una serra più grande – e Hortus – un container a fine vita trasformato dagli ingegneri di Agricooltur® in una serra altamente tecnologica.

La tecnologia Agricooltur® è alla portata di tutti,

Le piantine prodotte nelle serre di Agricooltur® una volta “raccolte” e portate in cucina ancora vive possono essere conservate fuori dal frigo, solo con l’aggiunta di poca acqua, sopravvivono molti giorni e possono essere consumate al bisogno. La certezza è quella di usare un prodotto di grande qualità.

La Redazione

Leggi anche

Cartotecnica: compie 70 anni l’azienda che crea opere d’arte più che in serie

Cinzia Ficco

Innovazione: inaugurato il nuovo spazio espositivo della Fanuc

Cinzia Ficco

“In Italia grazie ai farmaci 260 mila i guariti dall’epatite C. Occorre continuare a fare ricerca”

Cinzia Ficco