13.6 C
Rome
Giugno 12, 2024
Azienda TopEvoluzione

Tommaso Dragotto, il “Capitano” del noleggio d’auto green

Dopo una lunga esperienza in mare, ha fondato Sicily by Car, brand di eccellenza nel suo settore


Il 19 ottobre prossimo Tommaso Dragotto, palermitano, un Diploma d’istituto nautico, tre anni fa una laurea ad honorem in Economia e finanza, festeggerà i sessanta anni della sua Sicily By Car www.sicilybycar.it tra i principali operatori nell’autonoleggio leisure a breve e medio termine, brand di eccellenza in grado di competere con i principali player globali per qualità del servizio, dimensionamentodella flotta e presenza geografica.

La ditta individuale è stata fondata nel 1963.  

“Da ragazzo – ci racconta Tommaso – noleggiavo macchine da privati con amici maggiorenni. Pagavamo 3000 lire al giorno per 300 km. Avevo tra i 15 e i 16 anni e molte volte non mi potevo permettere cifre così alte”.

La sua personalità esuberante, la sua caparbietà e la sua tenacia si manifestano già fin dall’adolescenza quando, dal 1954 al 1958, svolge un’intensa attività sportiva nell’ambito del lancio del peso, della pallanuoto – disciplina in cui diventa leader della squadra di cui fa parte come portiere – e del lancio del disco.

Dopo il raggiungimento della maturità scolastica, conseguendo il diploma di  Capitano di Lungo Corso macchinista, a cui nel 2020 si è aggiunta una laurea ad honorem in Economia e Finanza, Dragotto intraprende la carriera di Ufficiale nella Marina Mercantile. Ma nella mente e nel cuore di Tommaso Dragotto c’è sempre il desiderio di avviare un’attività industriale.

“Da ragazzo ho lavorato per la Gulf Oil – ci racconta – mi sono imbarcato, e guadagnando 70 mila lire al mese senza spendere nulla, ho raccolto 1.350.000 lire. Al ritorno, pur promosso Ufficiale di Marina, dissi a mia madre che la mia passione non era continuare la mia carriera in Marina, ma intraprendere un’attività imprenditoriale. Pensavo al noleggio autovetture. Con i miei risparmi volevo acquistare la mia prima auto. Così feci: una Fiat 1300, color amaranto, usata, per 950 mila lire e targata Palermo 94582. Me la vendette l’ingegnere Rossi. Nell’arco di un anno comprai altre quattro macchine. In tre, una ventina e in vari decenni 708 vetture. A quel punto mi sono detto: Che cosa faccio ancora in Sicilia? Negli anni ‘80 aprii i primi uffici a Milano e Roma. Il personale lo cercavamo in tutta Italia, ma proveniente dalla Sicilia”.

Nel 1997 Sicily by Car acquisisce il marchio Auto Europa.  Questo porta: all’aumento graduale negli anni ’90 del numero di vetture da 2.000 ad oltre 5.000, all’incremento del numero di collaboratori, ad una copertura sempre più capillare del territorio nazionale, a un fatturato in costante crescita, alla collaborazione con i più importanti tour operator e broker del mondo, ed al lancio di nuovi prodotti come il charter nautico e il Park & Fly.

Con l’inizio del nuovo millennio Sicily by Car conferma il suo sviluppo, già avviato negli anni precedenti.

Sceglie di posizionare il proprio brand a livello nazionale, investendo sull’apertura di nuovi uffici nelle città di maggiore rilievo. Il 12 settembre 2009 segna la nascita del  nuovo polo direzionale della Compagnia a Villagrazia di Carini, nelle immediate vicinanze dell’aeroporto di Palermo.

Tommaso Dragotto, fondatore di Sicily By Car

Con oltre 90 collaboratori l’headquarter Sicily by Car gestisce tutti gli aspetti strategici e logistici del business: Customer Service, Manutenzione, Car Control, Amministrazione, Commerciale, Comunicazione e Advertising, Marketing, Gestione Crediti, Call Center, Fatturazione, Monetica, Acquisti Flotta, Ufficio Legale, Ufficio Pricing, Sviluppo Estero, CED e IT, Park&Fly.

Oggi Sicily by car vanta una rete in tutta Italia di oltre 50 uffici di noleggio, con un presidio negli aeroporti nazionali e internazionali e una presenza capillare nelle città a maggiore vocazione turistica. Il parco vetture è costituito da circa 13mila veicoli.

Per garantireuna gestione efficace ed efficiente del flusso di prenotazioni, SbC ha sviluppato una piattaforma in house, che convoglia tutte leinformazioni commerciali e del parco auto, adeguando le diverse tariffe in tempo reale in base a località, tipologia di mezzi, disponibilità eperiodo.

La Società è presente in Albania, Malta, Francia, Austria, Polonia e Montenegro grazie ad accordi con partner strategici.

Il modello di business prevede una capillare diffusione del brand  SBC Europe grazie a una rete di agenzie e insegne locali pronte ad aprirsi a collaborazioni continuative basate sulla reciprocità del servizio, tramite partnership commerciali in co-brand.

“SbC – continua Dragotto – ha stretto accordi di partnership B2B con i più grandi broker internazionali in grado di garantire una copertura a livello mondiale del servizio car rental (Booking.com, AutoEurope, Expedia, Cartrawler, Zuzuche/Qeeq, Carmore Korea, Rentcars Brasil, FTI Touristik, Ofran). Offriamo di tutto: da Fiat ad Opel, a Peugeot, Citroen, Volkswagen, Audi 5, furgoni e bus. Stiamo lanciando il noleggio medio (6/12 mesi) soprattutto per chi viaggia. In genere raggiungiamo gli oltre 800mila clienti l’anno e il fatturato viene per il 70% dal turismo. Il costo dell’assicurazione è compreso nel noleggio. Parliamo di quella basica. Poi offriamo tutte le coperture assicurative complementari e nella formula gold è incluso il costo del carro attrezzi. Il cliente è libero di scegliere la formula più adatta sia in fase di prenotazione che di ritiro dell’auto al banco. Oggi l’auto non è più uno status symbol. Si preferisce noleggiarla che esserne proprietari”.

Dragotto è stato un pioniere anche con il noleggio delle auto elettriche e ibride. E’ stato il primo ad utilizzare macchine green.

“Quindi scegliere le nostre auto – afferma – significa optare per il rispetto dell’ambiente. Anche se combattiamo con l’assenza di colonnine per la ricarica delle auto elettriche lungo l’autostrada.”.

Concorrenti per ora l’imprenditore siciliano dice di non averne. Continua a ingrandirsi con i suoi punti di forza: Lungimiranza, Innovazione, Know How. 

Per il futuro?La società intende consolidare la propria presenza in Italia e accelerare l’espansione sui mercati esteri. Il progetto strategico si basa sulle seguenti linee guida: crescita della linea B2C all’estero tramite operazioni di M&A e il lancio del marchio SBC Europe e rafforzamento del segmento B2B (car replacement e corporate), finalizzato alla diversificazione del business.

Sicily by Car è socio ANIASA, l’Associazione Nazionale Industria dell’Autonoleggio, è membro del consiglio direttivo ALIS, Associazione Logistica Intermodale Sostenibile, ed è il partner esclusivo per il settore autonoleggio del Touring CIub Italiano e dell’Associazione Nazionale dei Borghi più belli d’Italia.

Nel corso degli anni Sicily by Car si è distinta come Società d’eccellenza collezionando numerosi riconoscimenti che ne hanno attestato il suo valore tanto sul mercato che nei confronti degli stakeholders di riferimento. Dal premio internazionale Leadership Excellence Award dell’Italian Business & Investment Initiative nel 2017, al Customer Satisfaction Award nel 2019 di Cartrawler, al prestigioso riconoscimento di MF Centrale Risk award come Top Impresa per la puntualità verso il sistema bancario per l’anno 2022.  Sicily by Car ha chiuso il bilancio 2022 con un valore della produzione di oltre 160 milioni di euro.

All’ascesa imprenditoriale si affianca un’attività di  responsabilità sociale di Tommaso Dragotto in più settori: dall’arte, alla cultura, alla riqualificazione urbanistica e alle cause civili. La sua Fondazione ha come scopo iniziative di utilità sociale. Divulga la cultura e l’etica d’impresa. La passione per i temi sociali e l’amore per il territorio d’appartenenza si sono tradotti in numerose iniziative mirate alla promozione e valorizzazione dell’identità siciliana.

Cinzia Ficco

Leggi anche

Dal Piemonte a Napoli la storia dei Gay-Odin, maestri di cioccolato

Cinzia Ficco

Pharme, piattaforma che accede al gestionale delle farmacie, presto in un’app per smartphone

Cinzia Ficco

“Innovazione, servizi al cliente, mobilità e formazione: le leve del nostro sviluppo”

Cinzia Ficco