11.5 C
Rome
Aprile 17, 2024
Focus

I bad manager? Come le patatine fritte nelle diete

Lo dicono le due autrici di un libro recente che invita ad abbandonare pratiche aziendali giurassiche


Quanto incide il #badmanagement sulla salute e quindi sul rendimento dei dipendenti a lavoro? Come si raggiunge la felicità dietro una scrivania e quanto peso ha il benessere professionale su quello privato?

A queste domande provano a rispondere Daniela di Ciaccio (Formia, 1978), sociologa, imprenditrice, insegnante di yoga e ricercatrice e Veruscka Gennari (Latina, 1974),  filosofa, imprenditrice, divulgatrice e studiosa, entrambe fondatrici dell’Institute for Positive Organization (www.ipo.it) e di 2BHappy, ideatrici della prima certificazione  italiana in Chief Happiness officier (www.chiefhappinessofficier.it), autrici di un libro #StopJurassic Management -Persone, ambienti e cultura del lavoro – il terzo,  pubblicato di recente (FrancoAngeli/Trend) in cui affrontano il tema della salute a lavoro che può anche essere misurata.

“Ci occupiamo di sviluppo delle persone e delle organizzazioni da più di vent’anni raccontano – Dal 2015, anno in cui abbiamo fondato 2BHappy Culture Company, ci siamo dedicate a divulgare il concetto della scienza della felicità e delle organizzazioni positive sia attraverso la pubblicazione di libri, sia trasferendo know how per costruire ambienti di lavoro felici. Osserviamo e denunciamo i fenomeni della demotivazione dilagante e dell’abbandono silenzioso da sempre, ma ci sembra di essere arrivati ad una situazione ormai davvero insostenibile per la salute delle persone e dell’intera economia, se pensiamo che in Italia solo il 5% dei lavoratori è coinvolto nel proprio lavoro. Ciò significa che il restante 95% va avanti per inerzia, o peggio, odia il proprio lavoro, i propri manager, le proprie aziende.  Crediamo sia giunto il momento di dire basta non solo a pratiche di lavoro giurassiche, ma anche all’analisi dei dati e alle parole senza azione. Occorre risolvere subito questa situazione”.

Per fortuna è venerdì, oddio domani è lunedì, vorrei mollare tutto e aprirmi un chiringuito, preferirei essere pagato meno ma cambiare capo o avere 10 ore di tempo in più, non ce la faccio più, se non avessi un mutuo o dei figli da mantenere mollerei tutto…”.

Queste sono le frasi tipiche di chi a lavoro non si sente a proprio agio. 

A sentire Danila e Veruscka “non c’è un profilo tipico del lavoratore infelice. Sono allo stesso modo donne e uomini, giovani e adulti, di ogni settore, pubblico e privato. Questo perché è una questione di mindset, visioni del mondo, di modelli mentali, tipo: prima il dovere e poi il piacere, abbiamo sempre fatto così, il lavoro è sacrificio, le persone sono scansafatiche, io sono il capo o il proprietario quindi decido io.

Ma è tutta una questione di manager pessimi, giurassici, che continuano a chiedere iperprestazioni in tempi limitati, non mettono al centro il lavoratore e la sua salute?

“Il management giurassico – spiega Daniela – coinvolge tutti: manager, collaboratori, proprietà, CDA. È chiaro che il manager ha una buona fetta di responsabilità poiché è nella condizione organizzativa di poter influenzare con i propri comportamenti e le proprie capacità la vita lavorativa quotidiana delle persone che coordina. Uno degli indizi più facili da osservare per intercettare un bad manager è la quantità di IO rispetto a NOI che pronuncia nelle più svariate situazioni lavorative. È vero anche che, molto spesso, i sistemi di performance management nelle aziende si basano sulla legge di Peter, ossia faccio crescere i più bravi (spesso i tecnici) fino al loro massimo livello di incompetenza spesso in ruoli manageriali. Questo ragionamento, che diventa poi processo, è fallace perché presuppone che persone competenti nel sapere tecnico siano per loro natura anche competenti nel sapere relazionale. Le attitudini personali, per questo tipo di ruolo, si devono nutrire, allenare e formare. Non vengono fuori in modo naturale, se naturalmente non le possiedi. In questo senso è un errore correlare la crescita – con tutto quello che consegue in termini di potere denaro, status con i ruoli manageriali. Ma non mancano poi i lavoratori e colleghi di tipo giurassico, persone che sguazzano nel jurassic management, che non hanno alcun interesse verso il lavoro o senso di responsabilità verso se stessi e i colleghi. Sono quelli che adottano comportamenti di tipo opportunistico, criticano, giudicano, si lamentano, alimentano il gossip. Ecco loro sono tossici tanto quanto i manager giurassici”.

“Dall’ultima indagine di Gallup – aggiunge Veruscka – rispetto ad una media globale del tasso di engagement del 23% abbiamo Stati Uniti e Canada intorno al 30%, l’Europa al 15% e l’Italia appunto al 5%, un dato davvero drammatico”.

C’è un’azienda italiana che si è svecchiata a partire dal manager? “Ci piace sempre raccontare il percorso di Servizi CGN – replicano – che più di dieci anni fa ormai ha deciso di cambiare rotta rispetto a comportamenti organizzativi che stavano generando inefficienze e malessere ed ha intrapreso un percorso di evoluzione, partendo proprio dalla formazione personale e dallo sviluppo della consapevolezza dei vertici dell’azienda per proseguire a cascata su tutti i collaboratori”.

Ma da quanto scrivete, non è tardi per cambiare. Del resto, il nostro cervello è plastico.

“Certo – ancora Veruscka – Il primo passo è dare cittadinanza alla consapevolezza che i risultati di business saranno sempre e più indissolubilmente correlati al benessere delle persone e che questo benessere, nelle organizzazioni, si garantisce disegnando culture organizzative e processi efficaci, efficienti ma anche positivi, in grado cioè di generare in modo organico e disciplinato chimica positiva, nutrire il capitale sociale e la consapevolezza in ogni sua forma”.

“Bisogna disimparare innanzitutto – rimarca Daniela- la falsa credenza secondo cui ad una certa età anagrafica o di esperienza organizzativa non si possa cambiare perché appunto il cervello è plastico e con una giusta intenzione e una consistente disciplina possiamo imparare qualsiasi nuova cosa. Bisogna lasciar andare i modelli mentali del prima il dovere e poi il piacere, vince il più forte, siamo ciò che possediamo, cosa facciamo o come appariamo e imparareche funzioniamo meglio quando siamo in grado di creare, per noi e per gli altri,condizioni di benessere fisico, mentale, psicologico, sociale che favoriscono creatività,appartenenza, predisposizione all’apprendimento, empatia. Si può imparare che il capitale sociale, e quindi la capacità di creare relazioni sane, di fiducia, autentiche, è la nostra più grande risorsa di longevità”.

Ma da dove partire?

Le due imprenditrici non hanno dubbi: “È necessario ancora di più imparare ad intercettare bisogni, talenti, proposito personale e dei nostri collaboratori perché solo coltivando la consapevolezza avremo persone in ogni ruolo e posizione della società, non solo delle aziende, capaci di prendere decisioni intenzionali, allineate e coerenti. Bad manager da riformare? Non c’è nessuno da riformare perché l’evoluzione è un processo naturale e spontaneo che ad ogni modo ha sempre fatto e continuerà a fare il suo corso. C’è bisogno di disinnescare e non premiare o tollerare più comportamenti disfunzionali. I segnali che è arrivato il tempo di interrompere alcune pratiche manageriali – che abbiamo definito giurassiche- sono sotto gli occhi tutti. Non si tratta di comportamenti o modelli giusti o sbagliati in assoluto, ma di scelte più o meno funzionali ed efficaci rispetto ai tempi che oggi viviamo. La responsabilità di osservare questi segnali e scegliere di cambiare è dunque di ciascuno di noi, in primis di chi in azienda è in ruoli in grado di influenzare comportamenti, culture e processi, ma ognuno risponderà nel momento in cui sarà pronto. L’intento del nostro lavoro e di questo libro è facilitare questo risveglio, mostrando le soluzioni e i percorsi possibili”.

Dite che il lavoro in azienda con nuovi e preparati managers diventerà una questione di joule.  

Il libro scritto da DI Ciaccio e Gennari

“Ci auguriamo –  ancora Daniela – che avvenga un passaggio culturale dalla gestione del tempo alla gestione dell’energia. Se continuiamo a misurare il valore delle persone dalla quantità di ore che spendono in ufficio continueremo a sentire frasi come “esco alla 17. Che fai mezza giornata?” le quali alimentano solo il fenomeno del quiet quitting o del presentismo privo di motivazione, senso e produttività. Oggi sappiamo dalla scienza che creatività, performance e produttività dipendono dalla nostra capacità di impiegare in maniera consapevole e focalizzata le energie e che le energie, a differenza del tempo sono risorse che possono essere rigenerate con le dovute pratiche. I bad manager fanno più male di una dieta a base di patatine fritte, i costi più visibili sono quelli che le statistiche e anche i media generalisti ormai raccontano senza sosta: peggioramento degli indici di salute mentale, stress e burnout; aumento delle dimissioni volontarie; aumento costante del numero di persone che dichiara di voler cambiare lavoro entro un anno ma anche costi dovuti a turnover, incidenti, errori in qualità, cali di produttività”.

La felicità al lavoro è diversa da quella personale? Come si possono mettere insieme tante felicità diverse in un’organizzazione?  “La felicità – chiarisce Veruscka- è una competenza che si può allenare sia con le persone sia con le organizzazioni e le società. Il modo più semplice per farlo è coltivare quelli che noi abbiamo distillato come i 4 pilastri: o +chimica positiva e – chimica negativa, cioè maggior spazio ad attività e pratiche che innescano gli ormoni del benessere piuttosto che il cortisolo o ormone dello stress; o + essere e – fare/avere, ossia maggior spazio alla consapevolezza di proposito, bisogni, valori piuttosto che inseguire acriticamente aspettative esterne e identità fondate sul potere e lo status; o + noi e -io, cioè dare spazio alla costruzione di una rete sociale di supporto e investire in relazioni basate sulla fiducia e l’autenticità; o + disciplina e – caos, ossia intercettare il proprio rituale di benessere capace di soddisfare i tre principi precedenti e rimanere saldamente ancorati ad esso con costanza e amore per cablare la nostra mente alla felicità e farla diventare un’abitudine. Questi stessi 4 pilastri orientano oggi l’azione delle organizzazioni positive che cercano di integrarli in ogni processo, pratica e comportamento, dalla ridefinizione della cultura agli stili di leadership. La tecnologia è uno strumento che, se guidato e usato con sapienza, sicuramente può essere un vantaggio. Pensiamo, ad esempio, alle app che possono aiutarci nel seguire programmi di allineamento di nuove routine o abilità, oppure alle tecnologie che aiutano a connetterci,  lavorare insieme o ad apprendere facilitando il lavoro da remoto o lo smart working quando sono introdotte avendo costruito una base culturale forte e orientata alla fiducia reciproca, al lavoro per obiettivi, al feedback continuativo e autentico”.

Ad alcuni viene l’orticaria quando si parla di felicità a lavoro: per dimostrare che la felicità in azienda non fa a botte con la matematica e gli utili, mi date alcuni numeri – parametri per dire che un’azienda ha raggiunto la felicità?

“Coltivare la felicità è un percorso – concludono – non esistono organizzazioni positive al 100% così non esistono organizzazioni negative al 100%. Le organizzazioni sono organismi viventi fatti di persone che cambiano e inserite in un contesto esterno anch’esso soggetto a fluttuazioni continue. Quello che sappiamo e abbiamo osservato di alcune organizzazioni – che hanno attraversato lunghi periodi e crisi interne ed esterne, come ad esempio la pandemia da Covid 19- è questo dato: organizzazioni che hanno investito strategicamente e consapevolmente sulla felicità e sul benessere delle persone e sul territorio su cui operano, hanno superato le crisi senza ripercussioni su fatturato, livelli di engagement, numero e soddisfazione dei clienti. I numeri? Riportiamo fonti Gallup del 2019: 81% in meno di assenteismo; 64% in meno di incidenti; 43% in meno di turnover; 41% in meno di difetti in qualità̀; 66% in più di benessere delle persone; 23% in più̀ di profitto; 18% in più̀ di produttività̀ (vendite); 10% in più̀ di customer engagement; 13% in più di cittadinanza organizzativa (partecipazione)”.

Cinzia Ficco

Leggi anche

Deloitte Italia, Fabio Pompei confermato amministratore delegato

Cinzia Ficco

Cambiare il business per guidare il futuro. Torna il leadership Forum

Cinzia Ficco

La tecnologia nelle imprese

Cinzia Ficco