19.3 C
Rome
Maggio 26, 2024
Focus

Per Disegnare il futuro l’appuntamento è il 10 maggio a Milano

E’ la quinta tappa del roadshow sull’innovazione, organizzato da Italia Economy

“Disegnare il futuro Lombardia: è l’appuntamento fissato per il 10  maggio prossimo dalle 16.30, agli IBM Studios del capoluogo lombardo.

L’evento è gratuito e aperto a tutti previa iscrizione L’iniziativa rientra nel roadshow sull’innovazione nei territori, promosso e organizzato da Italia Economy, con la quinta tappa. Il forum avrà per  protagonisti associazioni, giovani imprenditori, rappresentanti del mondo delle università, dei centri di ricerca ed esperti di settore che si confronteranno sulle sfide che attendono la Lombardia nel panorama tecnologico nazionale e internazionale.

Attualmente, la regione Lombarda con le sue 28mila imprese del settore IT/ICT, per un fatturato di quasi 20 miliardi di euro e circa 270mila addetti, nonché le sue quasi 4mila start up innovative, si colloca al primo posto tra le realtà italiane per innovazione e sviluppo tecnologico. Questi sono alcuni dei dati contenuti, insieme ai contributi e alle interviste dei relatori, nello speciale dossier cartaceo Disegnare il futuro Lombardia, che sarà distribuito ai partecipati nel corso dell’evento e diffuso, poi, digitalmente.

La giornata si articola in quattro panel dedicati a innovazione e sostenibilità, ai case history sullo sviluppo delle metropoli internazionali, al ruolo del marketing nella crescita aziendale e al ruolo dei giovani per un futuro sostenibile.

Questo è il programma della giornata:

1° Panel – Innovazione e impresa moderato da GIULIANO BIANUCCI, direttore testate Italia Economy, Maurizio Decollanz, direttore marketing e comunicazione IBM Italia, Giulia Putin, direttore ufficio acquisti Gruppo Serenissima Ristorazione, Domenico Costa, presidente TIM Management, Alessandro Merlini, Coo Azimut Direct

2° Panel – Sviluppo metropoli internazionali: Boston, Abu Dhabi, Milano, Valeria Fazio, Board Member Italiacamp EMEA – Dubai Hub for Made in Italy, Paul Renda, Ceo Miller Group, Massimo Andriolo, partner IXL-Center e Board Member Global Innovation Management Institute

3° Panel – Marketing, comunicazione e tecnologia, Angelo Di Gregorio, presidente della Società Italiana Marketing e direttore del CRIET, Alberto Vassena, Ceo Easynet Group, Marco Inzolia, Ceo Bleisure Travel Company

Gianluca Cecchet, Ceo Next4Academy e CyberSA, Paolo Attanasio, Ceo Polaris Engineering, Roberto Race, Corporate Strategy and Reputation Advisor

4° Panel – Giovani e futuro moderato da STEVE LUCCISANO, Ceo Macoev, Giorgio Ciron, direttore InnovUp Egidio Alagia, Founder & Managing Director Divergensm Gabriele Ferrieri, presidente ANGI – Associazione Nazionale Giovani Innovatori Ilaria Salzarulo, responsabile Partnership & Fundraising Associazione Demetra, Italia Economy, quale giovane realtà editoriale, si propone di mediare le diverse posizioni attraverso analisi su dati di scenario, reportistica e focus relativi ai numerosi settori economici, protagonisti della crescita economica e dello sviluppo tecnologico del territorio.

Il format di Disegnare il futuro ha l’obiettivo di offrire una vetrina alle esperienze di successo e aiutarle a diventare patrimonio comune nazionale, oltreché fornire un’occasione di confronto tra gli attori come regola per far crescere una visione plurale del futuro. La logica del progetto parte dalla considerazione che il sistema pubblico, delle associazioni, delle fondazioni e delle grandi aziende non è abituato a proporsi come sistema, né a elaborare strategie multistakeholder.

In questo ambito, Italia Economy si propone proprio come facilitatore di un percorso che consenta di dare evidenza a modelli di dialogo e di interazione tra soggetti diversi.

Ecco il link per la registrazione eventbrite.com/e/biglietti-disegnar

Leggi anche

“Un ufficio di fund raising e un progettista per investire bene sull’asset del futuro: la sanità”

Cinzia Ficco

Sostenibilità ambientale : 8 aziende su 10 la considerano prioritaria

Cinzia Ficco

Family business e sostenibilità: il nodo è culturale, non finanziario. E sta nella governance

Cinzia Ficco