-11.9 C
Rome
Febbraio 25, 2024
Innovazione

Alla Cop 28 anche il frutto di una palma originaria del Brasile, la Macauba

Secondo la società energetica Acelen, l’olio estratto potrebbe diventare il biocarburante del futuro


Anche Acelen Renewables vuole contribuire alla transizione energetica globale.  

Si tratta di una società energetica che ha elaborato un progetto, con un investimento di oltre 2,5 miliardi di dollari. Ha un obiettivo: la produzione di carburanti rinnovabili (carburante per aviazione sostenibile (SAF) e diesel rinnovabile) utilizzando un impianto nativo in Brasile, Macaúba. Acelen Renewables è una filiale di Acelen e ha Mubadala Capital, una società di gestione patrimoniale globale, come sponsor principale.

“Abbiamo lanciato Acelen Renewables qui alla COP28 per mostrare il potenziale contributo del Brasile a un futuro più sostenibile. Produrremo diesel rinnovabile e SAF, carburante sostenibile per l’aviazione, riducendo le emissioni di CO2 dell’80% rispetto ai carburanti tradizionali. Questo progetto è già una realtà, in fase di ingegneria avanzata e con studi realizzati per implementare l’agricoltura su larga scala- fa sapere Luiz de Mendonça, direttore generale di Acelen Renewables – L’azienda raggiungerà il mercato globale, scommettendo su una soluzione innovativa per garantire l’approvvigionamento su larga scala di materie prime rinnovabili che garantiscano efficienza, produttività e riducano l’impatto ambientale”.

Dal seme all’energia, un progetto globale

L’aspettativa è produrre un miliardo di litri l’anno di diesel rinnovabile e SAF. Secondo uno studio realizzato dalla Fondazione Getúlio Vargas (FGV), si prevede che nell’economia brasiliana circoleranno complessivamente 17 miliardi di dollari fino al 2035, direttamente e indirettamente, dal progetto, con il conseguente aumento dei contributi fiscali in tutto il Paese. Secondo l’analisi FGV, il progetto dovrebbe generare più di 90mila posti di lavoro diretti e indiretti, di cui il 70% permanenti, legati al funzionamento del Polo delle energie rinnovabili, e ridurrà le emissioni di CO2 fino all’80% sostituendo combustibili fossili. Ciò posizionerà l’azienda come uno dei maggiori produttori di combustibili rinnovabili al mondo. Si prevede che l’azienda inizierà la produzione nella seconda metà del 2026. Questo è solo il primo passo. Il progetto è altamente scalabile. Abbiamo in programma di costruire diverse unità simili per massimizzare l’impatto del progetto e contribuire a un futuro più verde – dichiara Luiz de Mendonça, CEO di Acelen. Un progetto unico, dal seme al carburante, grazie alla formazione di un ecosistema di partner strategici già contrattualizzati per lo sviluppo agricolo, la costruzione di bioraffinerie, la certificazione e la commercializzazione dei carburanti.

La capacità produttiva sarà di 20mila barili al giorno, circa 1.000 milioni di litri all’anno, equivalenti alla fornitura annua di 1,1 milioni di veicoli, posizionando Acelen Renewables tra i principali produttori di carburanti del futuro al mondo. La produzione di diesel rinnovabile e SAF sarà inizialmente indirizzata al mercato internazionale, dove questi prodotti sono già approvati per la commercializzazione e il consumo. L’azienda investirà anche nella genetica delle piante, migliorando la produttività agricola e selezionando le aree adatte alla coltivazione, dando priorità alle aree degradate. In Brasile è già in fase di sviluppo un laboratorio di germinazione dei semi su scala industriale per investimenti nella ricerca”.

Il progetto, fanno sapere, è pensato per essere pienamente sostenibile, con un’ampia decarbonizzazione lungo tutta la catena integrata, utilizzando un impianto nativo ad alta energia per l’assorbimento della CO2 e il recupero delle aree degradate. Dal punto di vista economico, l’aspettativa è quella di creare un’ampia gamma di opportunità per l’agroindustria, sia per i piccoli che per i grandi produttori, nonché per i partenariati pubblico-privati.

Puntando al recupero dei terreni degradati, verranno realizzati almeno 5 centri agroindustriali con coltivazione di Macaúba. In totale, 200mila ettari di foreste nello Stato di Bahia e Minas Gerais saranno sviluppati attraverso partenariati pubblico-privato e l’utilizzo dell’agricoltura familiare, catturando fino a 355 tonnellate/ettari di CO2.

L’aspettativa è che il diesel rinnovabile emetterà fino all’80% in meno di CO2 rispetto al diesel fossile, e si prevede che la coltivazione di piante ad alta energia catturerà 60 milioni di tonnellate di CO2 in 20 anni. Oltre ad adottare la tecnologia dell’agricoltura 4.0, Acelen Renewables svilupperà il processo di estrazione dell’olio vegetale, generando coprodotti ad alto valore aggiunto e riutilizzando i rifiuti in modo sostenibile.

A proposito di Macaúba

È una pianta brasiliana con un’elevata produttività di olio per ettaro e altamente competitiva rispetto ad altre colture, offrendo una maggiore efficienza nell’uso dell’acqua e dei nutrienti. Essendo una specie autoctona perenne, consente una varietà di servizi ambientali come la conservazione o addirittura il ripristino della biodiversità, poiché le aree degradate saranno sostituite dalle foreste di Macaúba. Ciò consente la copertura vegetale, preservando il suolo e il suo biota, contribuendo al recupero delle fonti d’acqua e fungendo da fonte di cibo per uccelli e altri animali autoctoni. La sua coltivazione seguirà le migliori pratiche agricole e ambientali, favorendo la cattura del carbonio e riducendo le emissioni di CO2 dal seme al carburante.

Informazioni su Acelen Renewables

Acelen Renewables è la società di energia rinnovabile di Acelen e responsabile del progetto. Acelen è la holding energetica di Mubadala Capital, una società di gestione patrimoniale globale con sede ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti. acelenrenovaveis.com  E’ stata creata per partecipare attivamente alla transizione energetica globale.

La Redazione

Leggi anche

Cala la fiducia nel supporto IT: solo il 44% dei dipendenti chiede aiuto. Il fai da te non aiuta

Cinzia Ficco

Servizi logistici specialistici: i nuovi trend e le opportunità di lavoro

Cinzia Ficco

“In Italia grazie ai farmaci 260 mila i guariti dall’epatite C. Occorre continuare a fare ricerca”

Cinzia Ficco