23.2 C
Rome
Maggio 21, 2024
Management

I punti di forza di un team, i sei tipi di talento e il modello di Patrick Lencioni

Presidente di una società di consulenza manageriale, è autore di un nuovo libro su competenze e lavoro di squadra



Le sei tipologie di talento. Differenza tra talenti e competenze. Talenti reattivi vs talenti dirompenti. Produttività di squadra e team map. Le tre fasi del lavoro. Le sei attività fondamentali in ogni tipo di lavoro di squadra. Che succede quando manca un talento? Talento al lavoro e salute organizzativa.

E’ concentrato in questi temi il nuovo libro di Patrick Lencioni (FrancoAngeli). Il titolo è “I 6 talenti al lavoro” e promette di aiutare il lettore ad individuare i punti di forza di un team e a capire come funziona una squadra.

A leggere il libro, per qualsiasi tipo di lavoro o incarico da portare a termine – nelle sue varie fasi e realizzato da soli o più spesso in gruppo- ci sarebbero almeno sei tipologie di “talento” o capacità in azione. Riflessione: valutare e mettere in discussione lo stato delle cose. Inventiva: trovare soluzioni e idee nuove. Discernimento: valutare in modo oggettivo un’idea o una soluzione; Entusiasmo: motivare, incitare spronare chi lavora con noi. Facilitazione: dare supporto e assistenza a chi è all’opera. Tenacia: spingere le cose fino alla linea del traguardo.

Ognuno di noi possiede al massimo grado due di questi talenti – ma non più di due, come si ricava dalle risposte di migliaia di persone con cui l’autore e i suoi collaboratori hanno messo alla prova il loro modello. Fare un lavoro in cui i due propri talenti “prediletti” sono utilizzati al massimo grado è fonte di enorme felicità e di alte prestazioni. Lo stesso naturalmente non si può dire per quei talenti che possediamo in misura minore o che proprio non abbiamo. In questi casi il risultato sono noia e risultati mediocri o, nel peggiore dei casi, frustrazione e pessimi risultati.

Le implicazioni di questo “modello” – nato da un’intuizione dell’autore, ma testato con un questionario e migliaia di incontri – sono evidenti, sia per orientare una persona verso il lavoro per il quale ha maggiori talenti, sia per organizzare gruppi di lavoro sulla base dei talenti di vari membri.

Patrick Lencioni è il fondatore e il presidente di Table Group, https://www.tablegroup.com/pat/una società di consulenza manageriale specializzata nello sviluppo di team dirigenziali e nella creazione di una cultura aziendale condivisa. Ha lavorato con migliaia di senior executive e con i loro team in realtà che variano da aziende del Fortune 500 a piccole start-up del settore del digitale, da istituzioni universitarie a organizzazioni non-profit. È autore di undici libri, tra i quali sono editi da FrancoAngeli Il Team Player ideale (2017) e Superare le cinque disfunzioni del lavoro di squadra (2020).

La Redazione

Leggi anche

Alessandro Martemucci: “Serve un nuovo modello di management. Frugal”

Cinzia Ficco

Frugal management: il metodo “francescano” che piace anche ai Coldplay

Cinzia Ficco

Salute in azienda: fra i trend del 2024, i benefit legati alla menopausa

Cinzia Ficco