13.6 C
Rome
Giugno 12, 2024
Focus

Fervi Group lancia il programma “Benessereorganizzativo”

L’azienda modenese prevede anche un bonus di 2mila euro a sostegno della genitorialità


Incrementare il benessere dei propri dipendenti e creare un clima organizzativo ancora più stimolante, inclusivo e rispettoso delle esigenze dei lavoratori.

È questo l’obiettivo di “Benessere organizzativo”, il programma di wellbeing aziendale appena introdotto da FERVI Group, attivo nel settore della fornitura di attrezzature professionali soprattutto per l’officina meccanica, l’officina auto, la falegnameria, il cantiere, l’industria e di attrezzature al servizio dei professionisti della manutenzione e riparazione.

Il gruppo modenese ha deciso di accompagnare la scelta genitoriale con azioni concrete che comprendono, oltre a un riconoscimento di 2.000 euro per i neogenitori, anche la possibilità di house working e orari di lavoro flessibili per bilanciare al meglio le esigenze professionali con quelle di vita familiare.

Incentivi anche per i neo papà che avranno a disposizione un bonus di 10 giorni aggiuntivi di congedo parentale retribuito, per dedicarsi alla cura dei propri figli, senza preoccupazioni finanziarie.

L’iniziativa punta a promuovere la parità di genere e a migliorare la soddisfazione e l’impegno dei dipendenti diventati neogenitori.

Le politiche di benessere aziendale FERVI Group comprendono anche incentivi finanziari per il conseguimento di titolo di studio, in linea con obiettivi 4 e 10 dell’Agenda ONU 2030. Questi bonus, che vanno da 500 euro per il diploma di Scuola media superiore ai 1.000 euro per la Laurea, sono riservati ai dipendenti che decidono di perfezionare la propria formazione, conseguendo nuove qualifiche professionali o accademiche.

“Noi di Fervi Group mettiamo i dipendenti al centro della governance aziendale. In un contesto economico e sociale che sta profondamente cambiando, diventa sempre più importante per le imprese riuscire a valorizzare le proprie risorse umane, attraverso politiche tese a incrementare il loro benessere e l’equilibrio lavoro-famiglia. Con il nostro programma Benessere organizzativo puntiamo a migliorare la soddisfazione, la serenità e le performance dei nostri collaboratori, ma anche l’employer branding, essenziale per attrarre e trattenere i migliori talenti”, commenta Guido Greco, Amministratore Delegato FERVI Group, composto da Fervi e dalle sue controllate Rivit S.r.l., Ri-flex Abrasives S.r.l., Vogel Germany Gmbh & CO KG e Sitges SL.

Quotata in Borsa sul mercato Euronext Growth Milan, FERVI S.p.A. è un’azienda ben radicata nel suo territorio.

Nasce nel 1978 con il nome di Veprung Srl affermandosi come grossista per l’utensileria meccanica. Nel 1991 crea il marchio FERVI e, cambiando proprietà, nel 2011 consolida il proprio percorso di crescita. Nel 2012 pubblica il primo catalogo a marchio totalmente FERVI, frutto di una rivisitazione completa dell’offerta e dello stile di presentazione.

La vera espansione del Gruppo modenese inizia però nel 2015 con l’acquisizione di Ri-flex Abrasives e continua tre anni dopo con l’acquisizione del 40% della spagnola Sitges Maquinas y Accesorios e di Vogel Germany GmbH & Co. Kg nel 2019.

Oggi FERVI offre un catalogo con più di 8600 referenze di cui 4115 dedicate al mondo dell’officina automoto. Con una presenza capillare che si sviluppa in oltre 4500 punti vendita, in Italia e in oltre 50 Paesi del mondo, raggiunge più di 8000 clienti con oltre 3000 ordini al mese. L’azienda inoltre possiede le certificazioni DNV per il sistema di gestione della qualità (ISO 9001), la salute e la sicurezza sul lavoro (ISO 45001) e la gestione ambientale (ISO 14001).

Inoltre, l’azienda di Vignola è stata premiata con la Certificazione ESG (Environmental, Social and Governance) livello AA- per il suo percorso verso la sostenibilità aziendale declinata a livello ambientale, sociale e di governance. fervi.com

La Redazione

Leggi anche

Crescita 2024: dirigenti aziendali più ottimisti

Cinzia Ficco

Carne sintetica: quanto è logica la crociata avviata dall’Italia?

Cinzia Ficco

Sostenibilità: pmi più competenti? Un aiuto arriva dal Network Italiano del Global Compact Nazioni Unite

Cinzia Ficco