-11.9 C
Rome
Febbraio 25, 2024
Management

Tra i driver del cambiamento nelle pmi, una leadership coraggiosa e “rilassata”


Un’epoca di mutamenti radicali e imprevedibili

In tutte le epoche, avere una storia di successo non è mai stata garanzia di successi futuri. Questo è ancora più vero in questi tempi di mutamenti radicali e imprevedibili.

Il contesto in cui operano oggi tutte le imprese è caratterizzato da un’evoluzione molto rapida e continua, da un punto di vista tecnologico, economico, sociale e culturale. Questi mutamenti rendono sempre più difficile, soprattutto per le PMI, non solo crescere, ma anche rimanere competitive.

Il consulente di fiducia come allenatore dell’imprenditore

In questo percorso di trasformazione, il consulente strategico d’impresa può essere un partner prezioso per ogni tipo di azienda, in ogni settore.

Può aiutare l’imprenditore a comprendere il contesto in continua evoluzione del proprio mercato di riferimento, a identificare nuove opportunità e sfide, a sviluppare e implementare una nuova strategia per la crescita.

Può, soprattutto, aiutare l’imprenditore a sviluppare una nuova mentalità, più aperta al cambiamento e alla sperimentazione.

La strategia vincente per l’impresa di domani

La strategia vincente per l’impresa di domani sarà quella che saprà integrare tutte le grandi questioni che stanno caratterizzando il nostro tempo.

In particolare, la strategia dovrà includere una nuova idea di leadership, più etica e coraggiosa, una vision di lungo periodo, una mission rinnovata, una nuova forma organizzativa, una forte digitalizzazione, la formazione e cura del team, la sicurezza sul luogo di lavoro, la sostenibilità ambientale e sociale.

Il motore del cambiamento

Il controllo di gestione è il motore del cambiamento, perché è lo strumento che consente all’imprenditore di monitorare le performance aziendali, identificare i punti di forza e di debolezza e prendere decisioni informate per migliorare i risultati ottenuti.

Il controllo di gestione può essere complesso e richiedere tempo e risorse. Ecco perché è importante scegliere un metodo che sia efficace ed efficiente.

Il mio metodo “Relax”

Il mio metodo “Relax” è un metodo modulare e adattivo che si basa su tre fasi principali: analisi quantitativa, qualitativa e predittiva.

L’analisi quantitativa fornisce informazioni sui risultati economici e finanziari dell’azienda. L’analisi qualitativa fornisce informazioni sul contesto in cui l’azienda opera e sulla sua strategia. L’analisi predittiva fornisce informazioni sui possibili sviluppi futuri.

L’analisi quantitativa è importante, ma non è sufficiente. Perché, il profitto e il cash flow, nel lungo termine, vengono solo da un’azienda ben impostata e ben guidata. Senza una leadership trasparente e di spessore, una visione chiara e condivisa, la digitalizzazione, la cura e formazione del team ed un progetto di sostenibilità in cui si crede veramente, l’azienda non potrà avere successo nel lungo termine.

Per non perdere la speranza

L’Italia ha bisogno di una nuova classe imprenditoriale che creda nel proprio Paese e sia disposta ad affrontare le sfide del futuro.

In primo luogo, è necessario ridare una speranza alle nuove generazioni. I giovani devono avere l’opportunità di crescere e svilupparsi professionalmente nelle aziende italiane. Solo così si potranno convincere i migliori talenti a restare e a contribuire alla crescita del Paese.

Lo Stato, da parte sua, dovrebbe limitarsi a creare un ambiente favorevole alle imprese, garantendo la sicurezza giuridica e fiscale e investendo nell’istruzione e nella ricerca.

Luca Cambiotti

Consulente d’impresa, per la gestione del cambiamento culturale, strategico, organizzativo. Accompagno l’imprenditore nelle scelte di tutti i giorni e nelle sfide del futuro, allenandolo alle buone strategie per la crescita, in primis il controllo di gestione.

Leggi anche

Oracle è vicino alle imprese nella trasformazione digitale

Cinzia Ficco

Diplomatico, stratega, analista o pioniere: quale middle manager del Terziario sei?

Cinzia Ficco

Filippo Poletti: “L’ Ai servirà a prendere il 50% delle decisioni e aumentare la produttività del 18% di Pil”

Cinzia Ficco