11.5 C
Rome
Aprile 17, 2024
FocusMarketing

Matera 2019, due bandi per il progetto Comunità creative

L’iniziativa è organizzata per la seconda volta, in memoria di David Sassoli


Dopo il successo dello scorso anno, la Fondazione Matera Basilicata 2019 e Open Design School lanciano due nuovi bandi per la seconda edizione del progetto “Comunità Creative. Programma di residenze di co-creazione” in memoria di David Sassoli.

Il progetto, realizzato in collaborazione con il Polo Bibliotecario di Potenza, con il supporto de Lo Stato dei Luoghi e il Patto per la Lettura del Lagonegrese e con il patrocinio dei Comuni Balvano, Filiano, Latronico, Miglionico, intende promuovere un programma di residenze creative nelle aree interne della Basilicata, finalizzato ad ideare un nuovo modello di presidio culturalea scala regionale,  con una biblioteca al centro.

Durante l’anno da Capitale Europea della Cultura, Matera è stata un esempio di come città medio-piccole, collocate in aree marginali, possano promuovere e dar luogo a nuovi modelli di cultura fortemente partecipata, dimostrando come molto spesso i vincoli sono un’occasione per ripensare e riprogettare i modi di produrre e abitare la cultura.  

Da qui la volontà di disegnare un modello per la creazione di presidi culturali territoriali, che possano svolgere un duplice ruolo di spazio educativo e aggregazione con l’erogazione di servizi di base. Obiettivo? Favorire, nei contesti maggiormente caratterizzati da povertà economica e relazionale, l’accesso alla cultura, alla socialità e all’educazione, creando occasioni di partecipazione e cambiamento sociale ed offrendo servizi di welfare di prossimità e servizi per i visitatori.

Le biblioteche hanno la caratteristica di essere distribuite capillarmente sul territorio,  sono presidi di democrazia e parità tra i cittadini e promuovono la coesione sociale e il benessere delle comunità locali attraverso la cultura.

La sfida del nostro tempo è quella di sostenere l’attività e la centralità delle biblioteche rendendole luoghi sempre più sostenibili, attrattivi, accessibili, inclusivi e in grado di rispondere ai bisogni delle persone nei diversi territori di riferimento.

I due avvisi pubblici sono destinati a individuare rispettivamente quattro giovani professionisti, esperti in progettazione culturale, community management, experience design, progettazione partecipativa, design thinking per la cultura, social design, social innovation, quattro imprese culturali e creative operanti in Basilicata, chiamati a realizzare una residenza creativa della durata complessiva di sei settimane tra ottobre e dicembre 2023.

I soggetti selezionati lavoreranno insieme per la creazione di un modello di biblioteca/presidio culturale, inteso come spazio ibrido, spostandosi a rotazione in uno dei quattro comuni lucani scelti per lo studio pilota del progetto, sulla base delle loro diverse caratteristiche: Balvano (PZ), Filiano (PZ), Latronico (PZ), Miglionico (MT).  Il team di lavoro sarà affiancato anche dai rappresentanti di quattro associazioni locali dei comuni coinvolti nella residenza e da un coordinatore, individuati dalla Fondazione.

I requisiti di accesso, la procedura di selezione, il programma della residenza e le informazioni sulle modalità di partecipazione sono indicati nei due avvisi (Esperti e Imprese Culturali e Creative), disponibili sul sito ufficiale www.matera-basilicata2019.it.  

Le candidature dovranno pervenire entro e non oltre le 23.59 del 17 settembre 2023.

La Redazione

Leggi anche

La statalizzazione della responsabilità delle aziende

Cinzia Ficco

Donne, lavoro e assistenza ai propri genitori: un aiuto arriva da Amalia

Cinzia Ficco

Rifiuti tessili urbani: come trasformarli in ricchezza? Se ne parlerà a Rimini

Cinzia Ficco