15.7 C
Rome
Maggio 25, 2024
Focus

Per il Grand Tour, Taranto punta su un nuovo brand: la città vecchia

E’ un progetto di accoglienza turistica permanente, che include la parte antica


Per la prima volta Taranto avrà un percorso turistico integrato, in città vecchia, risultato della collaborazione tra professionisti del settore, operatori culturali e imprenditori.

Dopo l’edizione zero dello scorso anno all’insegna della destagionalizzazione caratterizzata dall’anteprima in versione invernale, nei mesi di agosto e settembre arriva il Taranto Grand Tour. Un progetto di accoglienza turistica integrata che punta a valorizzare i luoghi, in uno straordinario connubio tra contenitori e contenuti. Non soltanto itinerari, infatti, ma anche eventi legati alla storia millenaria della città, arricchiti da tradizioni e folklore locale. (In foto alcuni dei promotori dell’iniziativa)

Si punta alle proprie radici per promuovere un brand sempre più identificativo del territorio: la città vecchia.

Conoscenza, cura e promozione sono le linee guida dell’idea progettuale della cooperativa Polisviluppo con il sostegno di una rete di commercianti e operatori culturali. 

Sono già una cinquantina, altri stanno aderendo e l’invito dei promotori è esteso a tutti. Un’iniziativa dal basso, nella volontà di porre una sempre maggiore attenzione sul centro storico e sulle sue potenzialità. 

Il progetto ha il patrocinio morale di Confcommercio Taranto e Comune di Taranto e l’adesione della Marina Militare con il Castello Aragonese e il Sacello dell’Ospedale Militare.

Taranto

«Riteniamo – commentano i promotori- che in città vecchia non servano interventi spot, ma un’azione costante e congiunta tra chi opera lì sia culturalmente che commercialmente e chi si occupa di turismo. In queste settimane, siamo impegnati in una serie di riunioni congiunte per un coinvolgimento ampio. Si tratta di un vero e proprio percorso di condivisione. La proposta che stiamo portando avanti, con il supporto di imprenditori e operatori, va oltre il semplice evento: è un progetto di accoglienza turistica impreziosito anche da occasioni di intrattenimento tra poesia, letteratura, teatro e musica. Tutto questo per porre sempre più l’attenzione sulla città vecchia e accendere i riflettori sul suo immenso patrimonio».

L’obiettivo, ambizioso e mai sperimentato a Taranto in maniera così strutturata e costante, è di rendere il Taranto Grand Tour permanente. Una convinzione nata ormai alcuni anni fa e rafforzatasi con la scelta di Taranto quale destinazione crocieristica.

«Il turismo è la vocazione naturale di questa città – dicono ancora – e il punto di forza sarà quello di fare rete, come mai accaduto prima».

A rendere possibili concerti e spettacoli che si svilupperanno nelle varie giornate è il contributo economico delle attività commerciali. Sono stati gli stessi imprenditori a rivolgersi alla Polisviluppo e al direttore artistico del Tgt, Fabrizio Iurlano, consapevoli dell’esperienza maturata nel centro storico. Una fase ancora “work in progress” che per il momento riguarderà soltanto la città vecchia e che nasce dall’ascolto continuo delle istanze di residenti, commercianti e associazioni. Ad agosto, sono previsti appuntamenti ogni sabato.

La Redazione

Leggi anche

Imprese culturali e creative: nel 2023 oltre 300 mila contratti di lavoro previsti

Cinzia Ficco

Sostenibilità e digitale: un aiuto alle Pmi ora viene dall’Osservatorio del Politecnico di Milano

Cinzia Ficco

Istat: in aumento scambi commerciali con i Paesi extra Ue

Cinzia Ficco