23.2 C
Rome
Maggio 25, 2024
EvoluzioneFocusInnovazione

Nasce a Cuneo la prima comunità energetica rinnovabile della Confartigianato

Obiettivo: aprirsi a imprese e consumatori in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta


Un’iniziativa che può diventare un modello: è quella di Confartigianato Imprese di Cuneo, la seconda in Italia per numero di imprese associate, che ha deciso di investire nella sostenibilità ambientale. Promuove, prima in Italia, una CER, denominata CER-a (come “artigianato”), costituita in forma di associazione e munita di personalità giuridica, per agevolare la fornitura di energia prodotta da impianti fotovoltaici al tessuto imprenditoriale della provincia e, a poi  della regione Piemonte.

Con una governance che ha come associati: l’Associazione Artigiani della Provincia di Cuneo Service srl, Confartigianato Cuneo Donarti – Ente del Terzo Settore (che svolge attività al sostegno ed all’utilità sociale solidale) e l’Associazione FabLab Cuneo (che promuove le attività di fabbricazione digitale e lo sviluppo sostenibile di imprese ed iniziative che riguardano il territorio in cui esse operano), la CER opererà in singole realtà locali, attinenti a singole cabine primarie, per l’immissione ed il prelievo di energia elettrica dalla rete, procedendo all’autoconsumo individuale in da parte di quegli associati muniti di impianto, e di distribuzione attraverso la rete a quanti aderiscono all’iniziativa, quali semplici consumatori finali.

La CER è rivolta alle PMI, ma aperta a quanti vogliano partecipare (privati cittadini, enti pubblici).

L’obiettivo della CER è consentire ai propri componenti un importante risparmio sui costi dell’energia, e di utilizzare – anche per fini solidaristici – gli incentivi erogati dal GSE. Nell’ultimo quadriennio Confartigianato ha deciso di puntare sulla sostenibilità energetica, quindi di accompagnare le imprese in un percorso che impone oramai la comunità europea, la quale ha fissato date precise e molto serrate. Si fissa l’obiettivo di arrivare a un’emissione di CO2 pari a zero, comunque bilanciata, entro il 2050.

Franco Roagna, Presidente della CER-a ricorda: “Uno degli obiettivi della CER è la ridistribuzione sul territorio per contrastare la povertà energetica. Ciò comporta che una parte importante dell’incentivo dovrà avere finalità sociali nell’ambito energia”.

Franco Roagna

Si punta all’espansione in tutto il Piemonte, la Valle d’Aosta e la Liguria. Questo, ha ricordato Roagna “in ragione del fatto che la legge ci permette di avere in realtà un ambito molto più ampio, fino a tutto il Nord Italia, dove potremo costituire delle sotto-CER, ossia delle configurazioni che faranno capo alla CER-a principale, e che avranno come ambito quello della cabina primaria”.

Michele Quaglia, Vicepresidente Provinciale dichiara:  “Confartigianato Cuneo rappresenta oltre 9.600 aziende artigiane e PMI sul territorio della provincia. Siamo suddivisi in 12 zone, fatto che ci permette di avere un rapporto molto stretto e di erogare servizi importanti dalla sicurezza all’ambiente, oltre al fiscale. Questo progetto nasce come modello avanzato di condivisione. Proprio la natura aperta della CER consente di integrare altri soggetti espressione del mondo imprenditoriale e della società civile. L’esempio più eclatante in Europa è quello della Danimarca, dove un gruppo di privati cittadini ha costituito una comunità energetica per andare  incontro a spinte e sensibilità ambientaliste, costituendo un parco fotovoltaico. Crediamo in questo modello e vogliamo applicarlo anche in Piemonte”.

Secondo Joseph Meineri Direttore generale Confartigianato Imprese, “per il successo del progetto è stato fondamentale il lavoro condotto da Environment Park, società per l’innovazione ambientale con un primo studio sulle cabine primarie di Cuneo, Mondovì e Savigliano preparatorio  alla costituzione della CER. È ora in corso una seconda indagine su altre tre cabine (rispettivamente sull’area del Fossanese, del Braidese e di Canale e Montà) che presenteremo a partire dal 16 maggio per permettere a imprese e cittadini di valutare la fattibilità dell’ingresso nella CER. Attraverso una approfondita analisi in cui si esamina un campione di aziende artigiane sarà possibile conoscere i loro profili di consumo e, conseguentemente, installare impianti fotovoltaici oltrechè sapere quale convenienza deriva aderendo a una comunità energetica”.

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) destina 2,2 miliardi di euro per promuovere lo sviluppo di CER con appositi finanziamenti che riguardano impianti di produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili. Il provvedimento prevede due misure, cumulabili tra loro: l’erogazione di un contributo a fondo perduto massimo del 40% delle spese ammissibili e una tariffa incentivante sull’energia rinnovabile prodotta e condivisa. Per ottenere il contributo a fondo perduto, le CER richiedenti non possono essere ubicate in un Comune con una popolazione superiore ai 5 mila abitanti, mentre la tariffa incentivante è rivolta a tutto il territorio nazionale.

Michele Quaglia

Il supporto giuridico per la costituzione della CER-a è stato fornito dagli avvocati David Colombini e Andrea Perino di WSL – Weigmann Studio Legale.

Con i suoi 9653 associati Confartigianato Cuneo si colloca al secondo posto in Italia per numero di addetti.

Nella provincia di Cuneo sono 16.922 le imprese artigiane iscritte alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Cuneo. Per quanto riguarda invece le categorie, spiccano quella edilizia (1950), impianti (1432), mobilità (1100), meccanica (894), salute e benessere (678), legno e arredo (507), alimentazione (483), informatica e comunicazione (225), moda (167).

Nel corso del 2021 il valore aggiunto dell’artigianato a prezzi base e correnti per branca di attività economica ha raggiunto 1,865 miliardi Euro dei 9,301 dell’intera regione Piemonte.

Per info: cer-a@confartcn.com – pec: cer-a@confartigianato.pec.it – telefono 0171.451111

La Redazione

Leggi anche

Bari, a marzo torna il più grande evento al Sud sull’e-commerce

Cinzia Ficco

Piero Vigutto: “Anche per valutare una performance ci vuole orecchio”

Cinzia Ficco

Bari, pioniera dell’istruzione commerciale. Se ne parlerà in un convegno

Cinzia Ficco