24.1 C
Rome
Maggio 24, 2024
FinanzaInnovazione

Il primo social payment network B2B per incassare prima i propri crediti

Si tratta della soluzione B2Bridge, elaborata da LIQEX, startup fintech di Catania



B2Bridge è un servizio dedicato ad artigiani, esercenti, professionisti, micro, piccole e medie  imprese con un unico obiettivo: accelerare l’incasso dei crediti commerciali e semplificare il pagamento dei fornitori. B2Bridge è stato pensato da LIQEX, una startup fintech nata a Catania nel 2021. Nell’ambito di un evento organizzato dalla CNA Catania è avvenuta la presentazione di questo innovativo supporto a beneficio delle imprese. liqex.eu

Cosa è B2Bridge

Cambia le fatture elettroniche in chat, facilita di conseguenza la comunicazione tra clienti e fornitori, trasformando in un “social payment network B2B” per migliorare la gestione degli incassi e dei pagamenti. B2Bridge è il primo social payment network B2B, all’interno del quale le imprese, di qualsiasi dimensione, possono interagire tra loro scambiando messaggi, incassi e pagamenti.

Con Luca Giovanni Piccione, Founder di LIQEX, approfondiamo l’argomento per conoscere nel dettaglio il servizio a beneficio delle imprese.

Luca, come funziona B2Bridge?

«B2Bridge parte proprio dalle fatture elettroniche per dar loro nuova vita. Le acquisiamo direttamente dal Cassetto Fiscale e le trasformiamo in chat. Clienti e fornitori possono utilizzare B2Bridge per scambiare messaggi, pe risolvere problemi, effettuare degli ordini, incassare e pagare. Infatti, rimanendo all’interno della chat, si può inviare un link al proprio cliente, che lo può utilizzare per eseguire il pagamento, e si può accedere alla propria banca per effettuare un pagamento ai fornitori».

Perché nasce questo servizio?

«Questo servizio nasce per tre motivi. Primo: mettere a disposizione delle aziende, soprattutto quelle meno strutturate – esercenti, micro e piccole imprese- un unico, semplice, immediato canale di comunicazione con i propri clienti e i propri fornitori. Una chat da utilizzare per scambiare semplici messaggi, inviare degli ordini, risolvere problemi legati a consegne e fatture. Secondo: rendere più semplice e più economico pagare i propri fornitori. Ogni fattura può essere immediatamente trasformata in un ordine di pagamento da trasmettere alla propria banca. Non solo. Per rendere le cose ancora più semplici ed economiche, le fatture da pagare in un mese possono essere raggruppate tutte in un unico ordine e inviate con un’unica istruzione risparmiando tempo e commissioni. Terzo. Il grande problema delle imprese,

soprattutto quelle piccole, è l’incasso dei propri crediti commerciali. B2Bridge aiuta le imprese ad incassare in tempo, o in molti casi anticipatamente, le proprie fatture attive perché, sempre tramite la chat, chi deve pagare riceve un link che contiene già tutti i dati necessari per il pagamento. In un prossimo futuro, man mano che la rete di B2Bridge si amplierà, l’azienda che deve pagare riceverà gli incassi che generano la liquidità necessaria per effettuare il pagamento».

Qual è il metodo adottato per semplificare le transazioni finanziarie?

«La fattura elettronica, ormai attiva in Italia da molti anni, contiene al suo interno le principali informazioni che devono essere di solito inserite nuovamente quando si compila un bonifico per effettuare un pagamento. B2Bridge esegue questa operazione in automatico, facendo risparmiare tempo e, soprattutto, evitando errori. Se si vuole risparmiare sulle commissioni, i pagamenti legati alle singole fatture possono essere raccolti tutti in un’unica operazione (in maniera simile a quando acquistiamo online e mettiamo tutti i prodotti nel carrello) ed eseguiti con un’unica transazione. Se il cliente B2Bridge lo desidera, può attivare uno speciale conto dedicato, messo a disposizione da un nostro partner bancario, beneficiando così di commissioni ancora più ridotte ogniqualvolta il pagamento avviene tra due aziende che utilizzano B2Bridge. Trasferire i dati dalle fatture agli incassi e ai pagamenti consente inoltre di eliminare il tempo speso per la riconciliazione, che viene automaticamente eseguita da B2Bridge. Non ultimo, dato che per eseguire un pagamento serve liquidità, B2Bridge si occupa di gestire, sincronizzare e monitorare gli incassi in modo che l’azienda sia sempre sicura di avere la liquidità sufficiente per poter pagare i propri fornitori».

I vantaggi delle imprese?

«Come spiegato in precedenza, i vantaggi per le imprese sono molteplici: un unico canale di comunicazione da utilizzare con i clienti e i fornitori, evitando così mail e telefono e perdere tempo nel mettere insieme le informazioni per poter gestire un incasso o un pagamento. E’ un modo semplice ed economico per pagare i fornitori, creando automaticamente gli ordini di pagamento con risparmio di tempo, soldi ed evitando costosi errori. Si tratta di uno strumento per velocizzare gli incassi, agganciando ad ogni fattura emessa le istruzioni per il cliente e non dovendosi più occupare di richieste di pagamento e solleciti. Una recente ricerca ha messo in evidenza che un’impresa ogni anno sostiene costi per oltre 9.000 euro e spende più di due mesi di lavoro di una persona per gestire i problemi legati agli incassi dai propri clienti. Riuscire a ridurre questi costi è uno dei più grandi, concreti, vantaggi che B2Bridge offre alle imprese. Non ultimo, una migliore gestione della liquidità aziendale consente alle imprese di presentarsi diversamente alle banche e quindi ottenere condizioni migliori per gli eventuali finanziamenti richiesti».

Che ruolo assume la tecnologia?

«La tecnologia consente di risparmiare tempo e soldi, rendendo le cose più semplici. L’accesso diretto al Cassetto Fiscale per recuperare le fatture attive e passive, l’utilizzo dei servizi di open banking per poter eseguire agevolmente le principali transazioni bancarie, la semplicità di poter gestire la propria liquidità attraverso il nostro inseparabile smartphone, collegare incassi e pagamenti per fare in modo che l’impresa abbia sempre la liquidità che le serve sono risultati ottenuti grazie alla tecnologia. B2Bridge fa un uso intenso della tecnologia, ma il nostro cliente vede solo quanto necessario per le attività della sua impresa. Le imprese, soprattutto quelle piccole e medie, non hanno bisogno di tecnologia fine a se stessa. Le imprese hanno bisogno di soluzioni per incassare più agevolmente i propri crediti e per risparmiare sui pagamenti. LIQEX ha realizzato B2Bridge per fare in modo che le imprese italiane si concentrino sulla crescita e sullo sviluppo del proprio business. A noi la complessità, all’impresa il risultato di una migliore gestione della liquidità».

Francesco Fravolini

Leggi anche

Mobilità “green”: con Wetaxi a Roma e Milano oltre 13mila veicoli elettrici a noleggio

Cinzia Ficco

AI Generativa: previsto un incremento di 257 mld di dollari entro il 2032. Un evento per spiegarne le opportunità

Cinzia Ficco

“Un rinforzo alle nostre soluzioni di ingegneria”

Cinzia Ficco